Progetto

 

Litigare è inevitabile:

Comunichiamo PositivaMente

per CAPIRSI!

 

Il livello di stress si sta alzando ogni giorno di più, basta guardarsi intorno per vedere che molte persone litigano anche per motivi futili dove si possono verificare atti di violenza, degrado e fenomeni di disadattamento anche gravissimi.

 

IL NOSTRO OBIETTIVO

Trasmettere alle persone le Soft  Skills, le competenze emotive, sociali, cognitive funzionali all’adeguata comprensione e all’utilizzo delle regole di interazione sociale. Si tratta di una filosofia che è possibile assimilare e usare ovunque, perfino in Italia dove la vita è molto dura.

 

COME VOGLIAMO RAGGIUNGERLO

Per raggiungere il nostro obiettivo abbiamo elaborato il Progetto Comunichiamo PositivaMente e un METODO seguendo i nuovi canoni di interpretazione e di azione  indicati nel Documento WHO’93 e seguenti, emanato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Applichiamo il Metodo nei LABORATORI durante i quali si avvierà un processo di comunicazione positiva che ciascuno potrà proseguire autonomamente.
Nelle scuole ci rivolgiamo a insegnanti e genitori, con una duplice finalità: 1. dare uniformità ai messaggi educativi destinati ai bambini; 2. orientare il dialogo scuola-famiglia oltre il conflitto.

L’apprendimento è esperienziale come accade per imparare una lingua, ballare, guidare una macchina, svolgere bene una professione, una qualunque attività.

 

DESTINATARI

Insegnanti, genitori, le persone che vogliono migliorare il dialogo e la conoscenza tra partner, tra genitori e figli, tra le persone. Lavoriamo anche nelle scuole e ci rivolgiamo, gratuitamente, a genitori e insegnanti.

 

COMUNICARE E’ FACILE, SAPER COMUNICARE, QUESTO FA LA DIFFERENZA!

 

Diversi anni fa sulla spiaggia ci si divertiva con un gioco chiamato il telegrafo senza fili, dove un componente del gruppo indicava una piccola frase che ciascuno doveva poi sussurrare all’orecchio del vicino, il quale, a sua volta, la ripeteva al suo vicino e così via fino all’ultimo che la ripeteva ad alta voce.

 

Il divertimento derivava dal fatto che la frase riportata dall’ultimo giocatore era spesso molto diversa da quella iniziale per il combinarsi e sommarsi di errori di interpretazione.

 

Ciò capita anche nella realtà quotidiana, si parla, ma non si ride quando non ci si capisce.

 

Durante un dialogo si possono verificare errori di interpretazione generati in gran parte dalle emozioni che si provano in quel dato momento quali rabbia, paura, tristezza, vergogna, gioia e che, raramente, siamo capaci di riconoscere ed esprimere.

 

L’empatia è una delle condizioni necessarie per creare un clima distensivo in ogni tipo di relazione.  È una delle 10 Soft Skills , competenze per la vita, indicate nel Documento WHO’93, non è una dote innata e si impara facendo pratica sulle tecniche di ascolto e di comunicazione efficace.

 

LE NOSTRE AREE DI AZIONE

A.Relazioni Umane. Laboratori rivolti a partner, genitori, insegnanti, medici, manager, a giovani in cerca di lavoro e a chiunque desideri costruire e rafforzare le relazioni interpersonali e migliorare la qualità della vita.

B.Famiglia e Scuola. Nelle scuole ci rivolgiamo, gratuitamente, a genitori e insegnanti.

Nelle scuole superiori, Romeo Lippi psicologo, psicoterapeuta e cantautore rock, conduce seminari musicali, durante i quali parla con i giovani di tutto: dalle difficoltà in matematica alla sessualità, dai sogni all’amore tormentato, dei problemi con i genitori.

C.Cultura e Società. Articoli, comunicati, convegni, per diffondere una cultura che stimoli empatia, socialità,  tolleranza, cooperazione e induca a modificare comportamenti e stili di vita a vantaggio del bene di tutti.

 

RISULTATI

Stiamo sperimentando il nostro METODO da 10 anni con concreti risultati.

PUNTI DI FORZA: un team di professionisti coordinati dal Prof. Andrea Pagani Direttore Scientifico del Progetto, docente Scuola Superiore di Specializzazione, psicologo, psicoterapeuta, il primo italiano ad avere ricevuto la certificazione internazionale di terapeuta di coppia dall’Istituto EFT Emotional Focus Therapy di Ottawa

 

PUNTI DI DEBOLEZZA: la partecipazione ai laboratori non è consistente come potrebbe esserlo, perché c’è diffidenza, paura di mettersi in gioco, distacco perfino assuefazione ai fatti negativi che accadono ogni giorno.

 

Stiamo vivendo una profonda crisi sociale e superare da soli questi e altri ostacoli è complicato. Sarebbe bello cooperare per cercare di risolverla. Tutti, ciascuno secondo le proprie possibilità. I problemi non riguardano solo il vicino di casa, ma vivono con noi e non ce ne accorgiamo!

 

Se il nostro Progetto ti piace puoi sostenerci:

-donando il tuo 5×1000 a te non costa nulla e ci aiuterai a lavorare gratuitamente nelle scuole

C.F. 97554130589

-con versamenti e bonifici  sul c/c postale n° 98808249 intestato a Bambino Oggi…Uomo Domani Onlus RM

IBAN:  IT 26 S 07601 03200 000098808249

LE DONAZIONI SONO DEDUCIBILI FISCALMENTE  (Legge 80/2005)

 

***********************************

HANNO PARLATO DI NOI

UnoMattina

ROMAUNO

ReteSole

TV2000

RadioVaticana

Rete Oro

Agenzie

web, quotidiani e periodici.

Carlo Bazzani, giornalista parlamentare:  “Da molti anni la Onlus Bambino Oggi…Uomo Domani,  si adopera, con tenacia e dedizione, per migliorare il dialogo tra partner, tra genitori e figli, tra le persone. L’idea è tutta qui: conoscere e conoscersi, capire e capirsi, specie a fronte di una crescente incomunicabilità generazionale accentuata anche dalle nuove tecnologie. Encomiabile.”

Ernesto Alicicco, docente, ortopedico e nutrizionista anche della Roma e della Lazio: “Se i giovanni verranno su da un punto di vista fisico e psichico veramente ben fatti, ne gioverà il futuro di ciascuno di noi. La Onlus lavora in questo senso. Meritevole.

 

HANNO PARTECIPATO AI NOSTRI EVENTI

Il Progetto ideato nel 2000, è in atto nelle scuole dal 2009 ed è stato presente a numerosi eventi cui hanno partecipato, tra gli altri:

Giorgio Napolitano

Presidente della Repubblica emerito

Maria Burani Procaccini

già membro Comm. Parlam. Infanzia

Claudio Cecchini

politico

Tonino Cantelmi

professore, psichiatra, psicologo, scrittore

Maria Rita Parsi

psicologa

Andrea Pagani

professore, psicologo, psicoterapeuta, scrittore

Ernesto Alicicco

docente, ortopedico e nutrizionista anche della Roma e della Lazio

Mario Gallo

ginecologo e ricercatore in medicina bioenergetica

Bruno Vespa

giornalista

Carlo Enrico Bazzani

giornalista parlamentare

Paola Saluzzi

giornalista

Cloris Brosca

attrice

Claudio Bucci

produttore cinematografico

Dino Zoff

portiere della Nazionale Italiana di Calcio

 

ESPERIENZA MATURATA NELLE SCUOLE
Il progetto nelle scuole è stato ideato negli anni 2000-2002 e avviato dal 2004 al 2008, in via sperimentale, in alcune scuole di Roma e della Provincia. Sono stati incontrati 2000 bambini con i loro insegnanti dei Circoli didattici 121, 144, 168 di Roma e del 1° di Cerveteri; dal 2009 hanno partecipato all’iniziativa  genitori e insegnanti dei bambini delle scuole dell’infanzia dei Municipi 5, 12, 13, 16 e 18 di Roma e di Fara in Sabina, del complesso di Casalpalocco, gli Istituti Comprensivi: Mahatma Gandhi, Piazza Borgoncini Duca, Matteo Ricci, Pirgotele, Vibio Mariano, San Godenzo, Piazza Filattiera.  Il 99% dei partecipanti ai laboratori ha potuto rilevare miglioramenti nella relazione con i bambini, ma anche con il partner, i colleghi.

 

ALCUNE TESTIMONIANZE DA GENITORI E INSEGNANTI (2009-2016)

Alla fine di ciascun laboratorio, svolto nelle scuole, proponiamo ai partecipanti un questionario di valutazione e di gradimento.

Riportiamo cosa genitori e insegnanti hanno apprezzato di più:

“Riconoscere le proprie emozioni, sofferenze, bisogni, frustrazioni permette, infatti, di comprendere quelli dei bambini, ma anche del partner e degli altri. Tutto ciò significa costruire relazioni più empatiche” A.D.A. dall’Istituto Comprensivo Gandhi

“Un’ottima esperienza, grazie alla quale ho messo a fuoco i punti critici della relazione genitoriale” S.C.  dall’Istituto Comprensivo Gandhi

“Ho imparato a gestire le mie emozioni. La comunicazione con i bambini è migliorata” M. dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Ho imparato a riconoscere le mie emozioni e a percepirle nelle scelte della vita quotidiana” G. dall’Istituto Comprensivo Pirgotele

“Ho apprezzato molto non sentirmi giudicata ed essere riuscita a condividere con altri genitori le mie esperienze, spesso simili alle loro” M.P. dall’Istituto Comprensivo Gandhi

“Ho imparato a guardare ciò che accade da una nuova prospettiva, quella delle emozioni” G. dall’Istituto Comprensivo Pirgotele

“Grazie a quest’esperienza sto imparando a gestire in modo più sereno il mio rapporto con i figli. Li ascolto in modo diverso, cerco di capire le loro emozioni” S. dall’Istituto Comprensivo Matteo Ricci

“L’impegno per il futuro sarà di riuscire a praticare l’ascolto attivo nella quotidianità” I.C.  dall’Istituto Comprensivo Matteo Ricci

“Lo consiglio ad ogni genitore” G.B. dall’Istituto Comprensivo I.C. Borgoncini Duca

“Spero si possa ripetere il prossimo anno” P.R. dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Ho apprezzato il modo di farci arrivare da soli alle soluzioni, senza imposizioni. Ora riesco più spesso a far confidare mio figlio, sono più in ascolto” R.  dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Ogni volta che partecipavamo uscivo con tanta voglia di relazionarmi in modo diverso; questo mi dava tanta gioia” E. dall’Istituto Comprensivo Matteo Ricci

“Ho apprezzato la verifica e il confronto con problemi analoghi di altri genitori” C.G. dall’Istituto Comprensivo Matteo Ricci

“Un percorso speciale, importante” D.S. dall’Istituto Comprensivo Pirgotele

“Eccellente la spontaneità e l’unione tra tutti i partecipanti” C.C. dall’Istituto Comprensivo P.zza Gola

“Ora presto molta più attenzione alle emozioni dei figli” C. dall’Istituto Comprensivo Pirgotele

“Ora riesco più spesso a far confidare mio figlio, sono più in ascolto” R.  dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Questi progetti dovrebbero essere più frequenti. Io li ho soprannominati -salvavita-” V. dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Mi piacerebbe approfondire tutto! Fare un percorso che mi dia più strumenti, più consapevolezza, dunque più serenità nel rapporto con i ragazzi” G.B. dall’Istituto Comprensivo Vibio Mariano

“Ho imparato a gestire le mie emozioni. La comunicazione con i bambini è migliorata” M. dall’Istituto Comprensivo Borgoncini Duca

“Non ci hanno dato una bacchetta magica, ma gli strumenti per comunicare efficacemente” T. dall’Istituto Comprensivo Vibio Mariano

“Prima ascoltavo razionalmente, ora ascolto anche emotivamente” S. dall’Istituto Comprensivo Vibio Mariano

“Lavorare sulla identificazione delle emozioni e le reazioni collegate” V. G.;  “la capacità di analisi dei rapporti interpersonali” B.G.; “la consapevolezza di poter modificare risposte e atteggiamenti” A.C.  dall’Istituto Comprensivo Piazza Filattiera

Alcuni insegnanti hanno suggerito: “un programma di lavoro centrato sulle classi riguardo comunicazione e relazione” A.C. ; “è un tipo di esercitazioni e di confronti che andrebbero svolti con continuità” B.P.; “fare più simulazioni di confronti, di dialogo” P.S.; “maggiori informazioni ed esercitazioni pratiche” D.D. dall’Istituto Comprensivo Piazza Filattiera.

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

SCHEDA TECNICA:

REFERENTE del progetto: Orietta Matteucci presidente della Onlus Bambino Oggi…Uomo Domani, professionista nella Relazione di aiuto e nella Mediazione Familiare (Master A.S.P.I.C. – MediAre).

DIRETTORE SCIENTIFICO del progetto: Prof. Andrea Pagani psicologo, psicoterapeuta docente presso Scuola di Specializzazione Universitaria Quadriennale in Psicoterapia di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata A.S.P.I.C. riconosciuta dal MIUR  con Decreto Ministeriale 9/05/1994, autore di numerose pubblicazioni e testi scientifici tra cui Il Successo Professionale 2.0 e Il Counselling Psicologico (coautore Edoardo Giusti). il primo italiano ad avere ricevuto la certificazione internazionale dall’Istituto di Ottawa di terapeuta di coppia EFT (Emotional Focus Therapy)

CONSULENTE SCIENTIFICO:  Prof. Tonino Cantelmi psichiatra,  psicologo, direttore scientifico della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Interpersonale e della rivista “Modelli per la Mente”, presidente dell’Istituto di Terapia Cognitivo-Interpersonale, fondatore del CEDIS, ente per lo studio delle dipendenze comportamentali, partecipa al board scientifico di numerose riviste scientifiche, numerosi  e prestigiosi incarichi, autore di oltre 200 pubblicazioni tra cui il primo libro sul tema della dipendenza dalla rete: “La mente in internet” (Ed. Piccin, 1999).

PSICOLOGI E PROFESSIONISTI NELLA RELAZIONE DI AIUTO E NELLE TECNICHE DEL COUNSELLING formati all’approccio umanistico integrato e  alla realizzazione degli obiettivi del Progetto.

 

PATROCINI: Roma Capitale Assessorato alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità

SUPPORTI: Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Interpersonale, dell’Istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale e del Centro Servizi per il Volontariato del Lazio. CESV-SPES  LAZIO Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio.

 

Per info e iscrizioni ai laboratori Comunichiamo PositivaMente

inviare una mail tramite la sezione CONTATTI di questo sito.

 

.