Tre modi per aiutare un ansioso

L’ansia è uno stato d’animo che si sta diffondendo a macchia d’olio in una società liquida carente di punti di riferimento morali ed etici.

 

Spesso i primi sintomi compaiono quando si è bambini. Eppure molti la sottovalutano.

 

Persino le mie ansie hanno l’ansia!…dice Charlie Brown.

 

L’ansia è in costante aumento grazie alle incertezze del nostro futuro e, per di più, nell’era della comunicazione, paradossalmente, siamo soli e non comunichiamo, almeno non “face to face”, dove uno sguardo, una pacca sulla spalla ci fanno sentire vivi.

 

Quante persone ascoltano veramente chi sta raccontando qualcosa di sé? Quante in quel momento pensano ad altre cose o semplicemente alla risposta da dare? Anche molti medici non ascoltano i loro pazienti, non cercano di capire il loro stato d’animo, non accolgono il loro disagio, la loro sofferenza, si limitano ad “afferrare” al volo il sintomo, prescrivono in tutta fretta il rimedio e passano ad un altro caso, come in una catena di montaggio.

Ugualmente molti genitori, insegnanti, professionisti, manager ecc. si comportano in modo sbrigativo, sembra abbiano cose sempre più interessanti da fare!

 

Va da sé che ciascuno si trova solo di fronte ai suoi timori, l’ansia si sviluppa, si diffonde e cresce. Appare, inoltre, chiaro che, vivendo in un ambiente ansiogeno, anche “le ansie hanno l’ansia!”

 

Per esempio, quante volte ci è capitato di dire ad un ansioso che, in quel momento, ci sta esprimendo un suo malessere “non ti preoccupare”, “non è niente” o addirittura prendi 10 gocce di questo e di quello?

 

Di certo l’intento è quello di incoraggiarlo, mentre in realtà, l’effetto è esattamente contrario!

 

Infatti, minimizzando, non facciamo altro che disorientarlo,  aumentare il suo senso di impotenza, farlo sentire incompreso e probabilmente anche vergognoso per il suo stato.

 

Cosa fare, dunque? Ecco tre modi per relazionarsi efficacemente con l’altro:

1.Chiedere cos’è che lo sta mettendo in difficoltà.

2.Ascoltare in silenzio ciò che ha da dire evitando di giudicare, dare consigli o peggio svalorizzare  il suo stato d’animo.

3.Cercare di comprendere le emozioni che sta provando, aiutandosi magari ripensando a come ci siamo sentiti noi in uno stato simile.

 

Quando abbiamo compreso cosa effettivamente prova l’altra persona e qual’è il suo stato d’animo, potremmo dirgli, per esempio, “capisco che sei triste, arrabbiato, hai paura…” e poi esprimere il nostro dispiacere e solidarietà per il disagio in cui si trova.

 

Tutto qui? potrebbe dire qualcuno. Si, tutto qui, perché, in pratica, significa:

A.Trasmettere all’altro che lo stiamo prendendo sul serio e che in quel momento è importante per noi.

B.Riconoscere la sua sofferenza.

C.Permettergli di entrare in rapporto con se stesso e con il suo sentire.

 

Può sembrare poca cosa, perché vorremmo trovare subito soluzioni, ma, saranno sempre le nostre soluzioni e non quelle della persona, perché questa ha la sua soluzione che, forse in quel momento, neppure conosce e, se non siamo dei professionisti nella relazione di aiuto, è preferibile lasciare fare a costoro.

 

E’ come quando una persona ci dice che si è fratturata un piede e noi non siamo ortopedici, quindi, possiamo solo accogliere il suo dolore e accompagnarla all’ospedale se…ce lo chiede, naturalmente!

 

OrMa

 

 

Vedi inoltre:

Ridere per vivere
Ridere per vivere. Stare bene da soli  significa rispondere bene agli stimoli piacevoli e vivere pos...
Counseling aiutare ad aiutarsi
Counseling aiutare ad aiutarsi. Il counseling è una professione diffusa nel mondo adatta a migliorar...
Nella coppia un dialogo tra sordi
Nella coppia un dialogo tra sordi. Nella coppia i ruoli sono modificati  il dialogo  è sempre più ra...
Stare insieme e detestarsi
Stare insieme e detestarsi. Esprimere emozioni e bisogni assicura la coppia contro i litigi Com'è...
Litigare è inevitabile saper litigare è possibile
Litigare è inevitabile saper litigare è possibile. Litigare nasconde bisogni insoddisfatti saper lit...
Litigare è Inevitabile Saper Litigare è Possibile
  Litigare è Inevitabile Saper Litigare è Possibile. Comunicare efficacemente permette d...
E ora andiamo all'asilo
E ora andiamo all'asilo. Ilaria Sacchetti, mamma versatile e creativa, dedica il suo tempo libero a ...
Comunichiamo PositivaMente
A volte mettiamo dei blocchi alla comunicazione e il Progetto Comunichiamo PositivaMente ha l'obiett...
Se Stiamo Insieme ci Sarà un Perché
Se Stiamo Insieme ci Sarà un Perché: troviamolo!   Ci sono coppie che riescono a rima...
La mossa giusta per costruire una relazione gratificante e duratura
Abbandonare la competizione a favore della complementarietà dei ruoli è la mossa giusta per costruir...

I commenti sono chiusi.